logo-sutramatzesuit banner su tramatzesuIT

      news img

 This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
facebook sutramatzesutwitter sutramatzesuyoutube sutramatzesu
storiatradizioniculturaintervisteracconti tag
ISTANTANEE-TRAMATZESI-tagsportFOTOVIDEOcuriosita
TRAMATZESI NEL MONDOEVENTI   

Antonio Giuseppe Abis profile TOP

  1. Contatti
  2. Profilo
Email: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. (Specificare nell'oggetto "Antonio Giuseppe Abis")

Antonio Giuseppe Abis, nasce a Gonnostramatza in provincia di Oristano nel 1951. L'amore per gli usi e i costumi della sua terra lo ha appassionato fin da bambino. È vissuto nel suo paese natale fino al conseguimento della maturità, per poi trasferirsi definitivamente a Milano dove ha coltivato con molta determinazione due grandi passioni: gli studi giuridici, che lo hanno portato al conseguimento della laurea in giurisprudenza, e l'arte culinaria, che ha avuto modo di approfondire lavorando nell'ambito della ristorazione. Se pur in terra "straniera" non ha mai smesso di amare ed utilizzare con passione la lingua del suo paese natio e custodire gelosamente gli usi di quel popolo singolare che tanto ha amato da celebrarlo nelle sue opere. Nel 2010 ha pubblicato una raccolta di poesie in lingua sarda: LA POESIA DI GONNOSTRAMATZA e due racconti autobiografici: IS ARRAGODUS e FILLU DE ANIMA. Nel 2013: LA VEDOVA NUBILE.

next
prev

Antonio Giuseppe Abis
  • Pubblicato in Blog di Antonio Giuseppe Abis
  • Scritto da Antonio Giuseppe Abis

  • Letto: 1000 volte
  • Commenti
  •   ______________________________________________________________________

    Difficoltà scolastiche

    classe scuola 1928

    Ho vissuto a Gonnostramatza fino al 1972, anno della mia maturità. Le scuole elementari, a cavallo fra gli anni 50 e 60, le ricordo con un velo di malinconia. In quel periodo i bambini, soprattutto i maschietti, collaboravano con le famiglie per accudire il bestiame: gli adulti non si potevano permettere di perdere il loro tempo prezioso badando ai buoi o alle pecore, ma delegavano questo compito ai ragazzini, costringendoli in molti casi a disertare la scuola.

    Leggi tutto...
    Subscribe to this RSS feed
    Back to top